• Veri.jpg Verifica della vera Croce
  • Piero_2.jpg Cosroe contro Massenzio
  • PArto.jpg Madonna del Parto
  • Resurrezione.jpg La resurrezione
  • Citta.jpg Architetture
  • Misericordia.jpg Polittico della Misericordia

Il Cantiere di restauro 1985 ~ 2000

"Il restauro della “Leggenda della Vera Croce” di Piero della Francesca, uno dei nostri grandi capolavori più noti e celebrati in tutto il mondo, è compiuto. In assoluto il più  difficile e complesso intervento dei nostri tempi, che ha richiesto 15 anni di studi, ricerche e indagini, e quindi di intenso lavoro tecnico-scientifico di risanamento e recupero, ha potuto salvare da sicuro deterioramento e grave perdita le affascinanti storie che Piero dipinse a metà Quattrocento sulle pareti della Cappella Maggiore della Basilica di S. Francesco di Arezzo. La più grave “malattia” che possa minare l’integrità delle pitture dipinte sull’intonaco,  la “solfatazione”, la quale determina la disgregazione dell’intonaco per la sua trasformazione in gesso, causata dai sali solfati portati nelle murature dalle acque piovane, nonché dall’azione degli inquinanti presenti nell’aria giunta dall’esterno,  è stata curata  e debellata. Gli affreschi di Piero sono stati salvati grazie alle avanzatissime tecnologie scientifiche che contraddistinguono il restauro in Italia, paese che detiene il maggior numero di dipinti murali di tutto il mondo. Un primato cui corrisponde un’esperienza ed una capacità professionale nel campo del restauro che non ha confronti a livello internazionale, tanto che dai paesi europei ed extraeuropei è pressante la richiesta di consulenza e di insegnamento, in cui è leader l’Opificio delle Pietre Dure di Firenze, che ha portato un contributo fondamentale, col suo Laboratorio Scientifico, agli eccezionali risultati di questo restauro. La restituzione al pubblico della possibilità di studio e di godimento di questo sommo capolavoro che ha ritrovato la luce, il colore e la spazialità che sono alla base della grandezza dell’artista, è indubbiamente l’evento del Duemila, che il Ministero per i Beni e le Attività Culturali è orgoglioso di presentare come uno dei risultati più clamorosi e straordinari del nostro tempo, nell’ambito dei grandi eventi che hanno rappresentato momenti fondamentali nel campo della tutela e valorizzazione del nostro patrimonio ..."

Arezzo, 30 giugno 2000
Anna Maria Maetzke
Direttore del restauro degli affreschi

Soprintendente Dirigente (fino a marzo 2014)

Tutti i dati rilevati e prodotti durante il lungo e complesso lavoro di restauro sono adesso accessibili e liberamente consultabili tramite la piattaforma MiBACT SICaR.

ACCEDI ALLA BANCA DATI DEL RESTAURO